un programma dietoterapico,
dal dimagrimento all’equilibrio alimentare

Qualcuno crede che per recuperare la forma fisica sia sufficiente dimagrire: sbagliato. Bisogna perdere il grasso in eccesso mantenendo però intatti il tono muscolare e la massa magra.

Le diete classiche comportano una lenta perdita di peso e soprattutto un abbassamento del metabolismo basale, compromettendo spesso la massa muscolare del paziente.

Risultano inoltre molto difficili da seguire perché è necessario pesare tutti gli alimenti e diventano di difficile gestione per chi spesso è costretto a mangiare fuori casa.

Grazie al metodo SAIP® (Sistema Alimentare Integrato Penta), che riprende l’idea sviluppata su quanto proposto già nel 1973 negli Stati Uniti dal Prof. Blackburn G.L., professore alla scuola di medicina dell’Università di Harvard e ricercatore al M.I.T., si può perdere peso facilmente, salvaguardando la massa muscolare.

Il metodo SAIP® si basa essenzialmente sul principio che una riduzione dei glucidi e dei lipidi, associata al consumo quasi esclusivo di proteine di alto

valore biologico, con un apporto di aminoacidi essenziali perfettamente equilibrati, permette di ridurre la massa del tessuto adiposo grazie al nuovo bilanciamento Insulina – Glucagone che si viene ad instaurare nell’organismo.

Questa metodica, già ampiamente diffusa in Francia dalla metà degli anni ’80 e consigliata da migliaia di medici, è stata usata quasi esclusivamente per il trattamento dell’obesità, ma oggi i campi di applicazione sono molteplici: può essere usata per l’adiposità localizzata come la cellulite, per il trattamento di dislipidemie e della sindrome metabolica, ha un’utile applicazione nel ritorno al peso forma post gravidanza e nel pre e post intervento di chirurgia bariatrica.

La lettera scientifica internazionale ha prodotto studi che dimostrano la sicurezza ed efficacia di questo trattamento trovando un largo riscontro e diffusione presso la Comunità Scientifica. New Penta si pone come riferimento primo per prescrittori e pazienti, con un protocollo dietoterapico sicuro ed efficace sotto guida del referente sanitario ed esclusivamente con prescrizione medica.

Per questo New Penta ricerca ed elabora sempre nuovi prodotti dietetici, di sapore e di formato diversi: minestre, frittate, creme, budini, bevande calde e fredde, dolci, barrette etc. per soddisfare i desideri dei pazienti con sapori graditi e preparazioni gestibili che contribuiscono a non farli sentire lontani dai cibi consueti.
I 5 step

Il metodo SAIP® si articola su un programma costituito su 5 step il cui obbiettivo è rieducare il paziente ad una sana e corretta alimentazione.

Le prime fasi sono caratterizzate da pasti sostitutivi e ipocalorici mentre la reintroduzione dei carboidrati a basso indice glicemico avviene dal terzo step per arrivare ad una dieta bilanciata con il quinto step.

Il periodo dei primi step è circa di 8-16 settimane, ma il periodo può variare in base al grado di obesità.

I 5 Step del Metodo SAIP
Il riconoscimento scientifica dell’ EFSA
Febbraio 2015
Febbraio 2015

L’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) ha, già nel 2015, stabilito i requisiti che deve possedere una VLCD, sia per le quantità giornaliere delle proteine, dei carboidrati e dei lipidi, che per i micronutrienti (EFSA Journal 2015;13(1):3957).

Come possiamo vedere dalla tabella, la quantità giornaliera di carboidrati è ridotta al fine di ottenere moderati livelli ematici di corpi chetonici in grado di sopprimere il senso di fame, effetto questo, mediato dalla soppressione dell’ormone oressigeno ghrelina (Sumithran, 2013) e dall’azione diretta sui nuclei ipotalamici da parte dei corpi chetonici stessi.

I corpi chetonici, prodotti nel fegato in corso di VLCD, rappresentano un substrato energetico più efficiente nella produzione di ATP che il glucosio e gli acidi grassi.

La VLCD in Europa

SCIENTIFIC OPINION

Scientific Opinion on the essential composition

of total diet replacements for weight control

EFSA Panel on Dietetic Products, Nutrition and Allergies (NDA) European Food Safety Authority (EFSA), Parma, Italy

CONCLUSIONS

The Panel proposes that total diet replacements for weight control should provide energy and nutrient at least in the following amounts:

tabella_efsa (1)