Il metodo pentadiet

La dieta proteica

Qualcuno crede che per recuperare la forma fisica sia sufficiente dimagrire: sbagliato. Bisogna perdere il grasso in eccesso mantenendo però intatti il tono muscolare e la massa magra.

Le diete classiche comportano una lenta perdita di peso e soprattutto un abbassamento del metabolismo basale, compromettendo spesso la massa muscolare del paziente.

Risultano inoltre molto difficili da seguire perché è necessario pesare tutti gli alimenti e diventano di difficile gestione per chi spesso è costretto a mangiare fuori casa.

Grazie al metodo Pentadiet, che riprende l'idea sviluppata su quanto proposto già nel 1973 negli Stati Uniti dal Prof. Blackburn G.L., professore alla scuola di medicina dell'Università di Harvard e ricercatore al M.I.T., si può perdere peso facilmente, salvaguardando la massa muscolare.

Il metodo Pentadiet si basa essenzialmente sul principio che una riduzione dei glucidi e dei lipidi, associata al consumo quasi esclusivo di proteine di alto valore biologico, meglio ancora se di aminoacidi, permette di ridurre la massa del tessuto adiposo grazie al nuovo bilanciamento Insulina - Glucagone che si viene ad instaurare nell'organismo.

Questa metodica, già ampiamente diffusa in Francia dalla metà degli anni '80 e consigliata da migliaia di medici, è stata usata quasi esclusivamente per il trattamento dell'obesità, ma può anche essere usata per il trattamento di sovrappesi e di adiposità localizzate (cellulite, girovita).

Merito della Ditta New Penta è di aver sviluppato sulle basi dell'alimentazione aminoacidica un Programma che opportunamente gestito dal medico, può facilmente ricondurre le persone verso una giusta ed equilibrata nutrizione.

Per questo New Penta ricerca ed elabora sempre nuovi prodotti dietetici, di sapore e di formato diversi: minestre, frittate, creme, budini, bevande calde e fredde, dolci, barrette etc. per soddisfare i desideri dei pazienti con sapori graditi e preparazioni gestibili che contribuiscono a non farli sentire lontani dai cibi consueti.

Le funzioni essenziali delle proteine

La parola proteina viene dal greco “protos” e significa primo elemento. Le proteine sono elementi essenziali per la crescita e la riparazione, il buon funzionamento e la struttura di tutte le cellule viventi. Gli ormoni, come l’insulina, controllano i livelli di zucchero nel sangue; gli enzimi come l’amilasi, la lipasi e la proteasi sono cruciali per la digestione dei cibi; gli anticorpi ci aiutano a combattere le infezioni; le proteine rappresentano una delle nostre principali fonti di energia e sono altrettanto importanti per il loro ruolo nella costruzione delle cellule e nel mantenimento dell’equilibrio metabolico.

In particolare il loro contributo è essenziale per:

  1. Generazione del sangue e della linfa
  2. Mantenimento dei tessuti e degli organi
  3. Trasporto delle molecole nel sangue
  4. Funzionamento dei sistemi digestivo, endocrino, muscolare, immunitario, sensoriale

Per queste ragioni sono fondamentali, anzi, “essenziali”, per la vita.

Il Programma Pentadiet poggia su cinque pilastri fondamentali:

  1. Un primo approccio comportamentale severo, necessario per allontanare il paziente dalle sue cattive abitudini.
  2. Una salvaguardia delle strutture nobili dell'organismo con l'apporto di aminoacidi selezionati, bilanciati e controllati
  3. Uno studio ed una valutazione dinamica degli apporti alimentari.
  4. Il perfezionamento di un progetto alimentare realizzato in modo estremamente personalizzato in funzione dei consumi biologicamente dimostrati.
  5. Un costante controllo medico indispensabile nell'apprendimento di un nuovo comportamento alimentare e salutistico.

Informazioni pratiche e ricette

In questa sezione puoi trovare una pratica guida alla dieta: informazioni e consigli; alimenti concessi a seconda dello step nel quale ti trovi; modalità di preparazione di buste e alimenti pronti all'uso. Inoltre, tante ottime ricette per sbizzarrirti in cucina e affrontare la dieta con il sorriso!

Pentadiet: il Metodo
Protiligne: preparati dolci e salati
Altri preparati e integrazione In.Tech

Alimenti concessi

Verdure concesse

Non ci sono limiti quantitativi, ma solo qualitativi.

Si possono mangiare solamente queste verdure:

Asparagi, Broccoli, Cavolfiore, Cavolo bianco, Cavolo verde, Cetrioli, Finocchi, Funghi, Insalate (tutte le verdure a foglia), Melanzane, Peperoni verdi, Ravanelli, Sedani, Soia germogli, Spinaci, Zucchini. 

Condimenti

Olio (con moderazione), aceto, aromi e spezie a piacere; assolutamente vietato il burro. 

Altri alimenti concessi

Coca Cola light o Zero, con moderazione

Caffè e tè con dolcificanti tipo aspartame

Dado per brodo, uso moderato

Senape senza zucchero

Cetrioli e germogli di soia, ma senza zucchero 

Alimenti sostitutivi 

Si può sostituire il preparato del pranzo o quello della cena con un piatto

proteico a scelta tra:

• bresaola o prosciutto crudo o cotto sgrassati

• pesce (tonno, se in scatola che sia al naturale, salmone, pesce azzurro, merluzzo, …)

• carni bianche (pollo, tacchino, coniglio, …)

• carni rosse (cavallo, maiale magro, bue, …)

• uova

A cui vanno aggiunte le verdure consentite

N. B. Le eventuali grammature saranno indicate dal medico in relazione ai fabbisogni indispensabili

Raccomandazioni importanti

• Seguire sempre la lista degli alimenti autorizzati

• In caso di appetito assumere una busta in più o aumentare la quantità di cibi concessi

• Bere in abbondanza: 2 litri di acqua al giorno, infusi, thè senza zucchero (attenzione: le preparazioni istantanee sono troppo zuccherate), caffè nero con dolcificante, tisana lassativa (al bisogno)

• Burro e altri alimenti grassi sono vietati