Il medico risponde

Il Medico Risponde è un servizio che New Penta mette a disposizione dei propri pazienti interessati a porre dei QUESITI RELATIVI AL METODO PENTADIET.

Risponde alle vostre domande il Dottor Danilo De Santis, Medico Chirurgo Specialista in Scienza dell’Alimentazione.

Invia quesito

Compila il seguente modulo (* campi obbligatori)

 

Cerca tra le domande



B.sera dottore a breve inizierò 1 step io mi alleno faccio pesistica mi alleno di mattina ci sono controindicazioni?

Se fa attivita’ sportiva la mattina non esistono controindicazioni ad intraprendere una dieta chetogenica

Buonasera,

mi è stato consigliato, dal medico di base, di assumere il Colilen IBS di Aboca. Può interferire con la dieta penta?
Grazie

Ci sono polisaccaridi di origine vegetale  nella quantita’ del 18% e quindi puo’ interferire negativamente con la dieta chetogenica

Buongiorno, vorrei sapere se questo tipo di alimenti possono essere compatibili con chi avuto il tumore della mammella? Ancora sto facendo le chemio biologiche, vi ringrazio Sabrina proni

Assolutamente si: tuttavia se ancora effettua chemio- terapia deve introdurre  come supplemento micronutrizionale anche sostanze basiche  ovvero-  tamponi : p.es fosfati,carbonati,citrati

Salve dottore
Che tipo di acqua è meglio bere?
“minerale naturale”,”oligominerale”,…??
Che valore di sodio e residuo fisso devono avere? Grazie per la risposta

acqua con basso tenore di sodio :lo si evince dall’etichetta

Salve sono una neo pensionata di 65 anni in leggero ma persistente sovrappeso che non riesco ad eliminare con le normali diete ipocaloriche anche molto ristrette(1250 calorie al giorno).Sono alta 158 cm e peso 62 kg nonostante i miei innumerevoli sacrifici.Il mio sovrappeso è tutto localizzato nell’addome e nel giro vita,recentemente la mia nutrizionista ,la dott.Alina Berardi ,visto i risultati pressoché nulli (ho provato anche 5 giorni di dieta mima digiuno e ho perso 1,5 kg che sto velocemente recuperando) mi ha proposto la dieta chetogenica e mi ha dato la documentazione della vostra azienda. Siccome ho fatto per 42 anni la farmacista e sono abituata a voler conoscere le cose prima di farle ho letto un paio di libri in materia ma mi rimangono alcuni dubbi: io sono leggermente ipertesa e prendo tutte le mettine bisaprololo/idroclorotiazide 5 mg inoltre , poichè ho un po’ di osteoporosi, prendo 30 gocce di colecalciferolo ogni settimana , questo può interferire con la dieta? E ancora: ogni anno eseguo per l’oncologico un follow up in seguito all’asportazione di un melanoma avvenuta nel 2011,uno degli esami più importanti è la ricerca del valore dell’LDH ,la dieta può modificarlo/alterarlo? Ed infine avendo io delle occasioni conviviali con i miei famigliari o con amici ameno una volta alla settimana posso in quelle occasioni non utilizzare i prodotti Penta mangiando comunque in modo da non alterare la chetosi o rischio di inficiare i risultati ?e in caso affermativo esiste qualche protocollo da seguire o devo estrapolare ricette da internet o dai libri che ho letto? Chiedo scusa per tutti questi dubbi ma trattandosi di una dieta che ha una notevole durata ,un notevole costo e richiede un impegno non da poco per seguirla bene vorrei essere certa di quello che faccio.Grazie in anticipo Roberta Marri

Le confermo che non sussistono interferenze con l’utilizzo del farmaco antiipertensivo da Lei citato:  in realta’ ,in chetogenesi controllata si osservano  guarigioni cliniche dall’ipertensione, atteso che  l’ossidazione degli acidi grassi dei trigliceridi contenuti negli adipociti viscerali determina un significativo calo della produzione di angiotensinogeno ( molecola prodotta dal tessuto viscerale omonimo) che interferisce nella regolazione del sistema renina-angiotensina-aldosterone; non si assiste ad alcuna modifica della concentrazione dell’enzima lattico deidrogenasi,atteso che la dieta chetogenica ,essendo povera di carboidrati, e’, di fatto ,una dieta antineoplastica, poiche’ blocca l’effetto Warburg indotto in cellule neoplastiche, ovvero la glicolisi anaerobia citoplasmatica con produzione di acido lattico e conseguente incremento dell’enzima lattico deidrogenasi , utilizzato per convertire in glucosio l’acido lattico  prodotto . Se ha delle occasioni conviviali deve mangiare esclusivamente carne o pesce con verdura , ed al fine di avere risultati apprezzabili dalla dieta, Le consiglio di nutrirsi a cena,almeno due volte alla settimana, di soli vegetali,prolungando di fatto   il periodo di digiuno proteico giornaliero.

SALVE,

E’ POSSIBILE SEGUIRE UNA DIETA PENTA AVENDO UN EMOGLOBINA BASSA INTEGRATA CON LZB FERROSO SOLFATO 80MG 30 UNITA’ USO ORALE ?

ENDOMETRIOSI DIAGNOSTICATA.
PARLIAMO DI UN OBESITA’ 45 BMI.

GRAZIE PER LA RISPOSTA

Assolutamente si : e’ risolutiva anche per la Sua anemia infiammatoria

Il frollino al cacao fa parte della linea forno? Posso mangiarlo come pranzo?

ne deve mangiare due

Buonasera
Sono in fase 1 e tutto sta procedendo per la meglio con 5 prodotti penta al giorno come da programma predisposto dal mio nutrizionista
Talvolta la sera dopo cena vengo presa da una voglia di dolce e mi ritrovo a consumare un sesto prodotto che può essere un budino o uno yogurt. Le chiedo se questo possa compromettere l’esito della dieta
Grazie

assolutamente no

Buongiorno,
ho iniziato l’alimentazione NewPenta il 06.05 in cui pesavo 68 kg.
Oggi 29.05 ne peso 64,8 kg (come settimana scorsa)
Non ho assolutamente sgarrato e mi sono attenuta scrupolosamente alla dieta.
Sono alta 1,61 e faccio attività fisica 3 volte a settimana (2 sala pesi + 1 cardio).
Come mai non sto perdendo peso velocemente?
Cosa posso fare?
Il mio obiettivo sarebbe arrivare ai 55

grazie

non deve effettuare attivita’ fisica nelle ore serali e cioe’ dopo il tramonto del sole:infatti se l’attivita’ in palestra e’ condotta in tale fascia oraria lo sstress biomeccanico muscolare determina secrezione di cortisolo e glucagone, incremento della produzione epatica di glucosio e  secrezione insulinica con blocco della chetogenesi da ossidazione lipidica

gentile dottore, non credo di essere intollerante al lattosio perché nella mia alimentazione quotidiana utilizzo spesso formaggi e prodotti contenente latte e non avverto mai problemi ad eccazione se bevo latte caldo che mi provoca un po’ di colite.
ho iniziato la dieta penta e mi sono posta una domanda: se avessi una leggera intolleranza, i prodotti contenenti proteine del latte, interferirebbero con il dimagramento?
grazie

Sicuramente si : comunque ,per verificare se ha intolleranza deve fare un test genetico ;deve verificare se il gene che codifica la sintesi dell’enzima lattasi e’ wild type ovvero normale,omozigote mutato, oppure eterozigote mutato: solo cosi’ potra’ sapere se e’ intollerante .Qualora fosse positiva la genetica ,dovra’ poi sottoporsi al breath test al lattosio per verificare il grado di intolleranza medesima

Buongiorno,
quattordicesimo giorno in fase 1, mi sono sentita stranamente stanca svogliata e spossata e con molta fame. dopo pranzo ho fatto il test chetoni ed è risultato negativo. nell’arco di questi 14 giorni ho fatto il test circa 4 volte con risultati non esaltanti in termini di colore del tampone ma mai negativi come oggi. Mi chiedo come possa essere successo essendo ligia, limitando il fornodiet e prediligendo le buste protiligne rosse accompagnate solo con le verdure illimitate. Potrebbe darmi qualche consiglio per mantenere la chetosi finalizzando così la dieta?
Grazie

Al fine di poter controllare la chetosi deve sottoporsi all’esame ematochimico dell’analita butirrato plasmatico ,previo prelievo di sangue;l’eliminazione di acido aceto acetico nelle urine non e’ sempre costante e per questo il test e’ negativo.Deve continuare la dieta che ha intrapreso ,il calo ponderale non e’ sempre regolare e puo’ subire  delle interruzioni ,per poi riprendere

Bongiorno dottore, un ultima domanda: le bevande calde possono essere utilizzate con acqua fredda? mi spiego: tra i prodotti acquistati ci sono le bevande calde che io per errore per qualche giorno ho utilizzato fredde come i frappe’ ed erano squisite, ma colto l errore, le ho provate calde ma il prodotto non si scioglie bene e il sapore é poco gradevole.
cambia qualcosa se utilizzo il prodotto freddo? potrebbe far male? grazie

Non cambia nulla ,sono comunque prodotti idrosolubili  che  vanno sciolti in acqua calda o fredda