⚠️⚠️⚠️  IMPORTANTE | CAMBIO COORDINATE IBAN dal 15 APRILE 2021 >>> CLICCA QUI

Il medico risponde

Il Medico Risponde è un servizio che New Penta mette a disposizione dei propri pazienti interessati a porre dei QUESITI RELATIVI AL METODO PENTADIET.

Risponde alle vostre domande il Dottor Danilo De Santis, Medico Chirurgo Specialista in Scienza dell’Alimentazione.

Fai una domanda



Senza questo consenso, sarà impossibile fornirti i prodotti o le informazioni richiesti

Cerca tra le domande

Buongiorno, ho 50 anni, insufficienza renale. Cronica, seguo dialisi peritoneale e vorrei perdere 6 kg, non essendo assolutamente controindicate le proteine, potrei seguire la dieta penta? Partendo da quale step e con quali integratori?

<p>Puo' assumere qualsivoglia integratore New Penta :le consiglio di calcolare una quota proteica assumibile equipollente a 0,60-0,70 grammi pro chilo di peso corporeo ideale (per calcolarlo basta eseguire la seguente operazione altezza-(altezza -100)nella intera giornata, atteso che la dialisi peritoneale ha azione sussidiaria sull' attivita' di filtrazione renale , ma non su quella di riassorbimenro tubulare renale ed equilibrio acido-base; ne consegue che le proteine vanno assunte in quota del 30% inferiore a quella fisiologica per poter assicurare un carico di bilancio azotato supportabile sia dal rene che dal peritoneo .Lo step di partenza e' step 1 </p>

Buonponeriggio, sto per cominciare la Pentadiet e avrei due domande 1) Ho letto che uno dei disturbi potrebbe essere il mal di testa ma che è possibile ricorrere a un analgesico che non contenga zuccheri. Solitamente io uso il Moment, volevo sapere se andasse bene o in caso contrario quale potrei assumere. 2) Ho letto che è possibile un'alterazione del ciclo mestruale: io uso l'anello come anticoncezionale, ci sono interferenze? Grazie

<p>Non ci sono interferenze con l'anticoncezionale utilizzato</p><p>La cefalea puo' essere presente nei giorni iniziali ,puo' utilizzare tachipirina 500 mg per non interrompere l'induzione della chetogenesi :l'analgesico da lei scelto ha una azione farmacologica simile ad uno steroide ed e' denominato pertanto FANS (farmaco antiinfiammatorio non steroideo) ;l'effetto farmacologico puo' essere iperglicemizzante ,proprio poiche' simil corticosteroideo, ed e' controindicato in chetogenesi </p>

Buongiorno, sotto guida di un nutrizionista ho seguito il protocollo penta a partire dalla 2 fase che ho seguito per 21 giorni. in questi 21 giorni ho perso 8 kg. lunedì 13/9 ho iniziato la fase 3 introducendo i 30 gr di carboidrati e 30 gr di formaggio al giorno. mi sono pesato stamattina (15/9) e sono aumentato di 1,6 kg. come mai ho preso tutto questo peso in nemmeno 3 giorni di fase 3?

<p>Il calo ponderale da lei comunicato e' riferibile in gran parte ad un calo del peso idrico ed anche ad un calo piu' restrittivo dela Sua massa grassa (e' impossibile perdere 8 kg di massa lipidica in 21 giorni):in particolare la seconda fase (step2) prevede la consumazione di un pasto costituito da proteine naturali (della carne, del pesce o dell'uovo) che ovviamente hanno un indice insulinemico, ovvero movimentano l'insulina ;la reintroduzione dei carboidrati da lei effettuata ha comportato sicuramente un riassorbimento tubulare renale del sodio (ivi compreso quello contenuto nel formaggio), operato da un ormone denominato aldosterone, per incremento dell'insulina plasmatica da reintroduzione glucidica :cio' ha comportato un risultato ritentivo di 1,6 litri di acqua intra ed extracellulare ;pertanto al fine di stabilizzare nuovamente il Suo peso riduca l'apporto dei carboidrati da 30 a 10 grammi e lo aumenti gradualmente ,controllando il peso corporeo: elimini altresi' completamente il sale dalla dieta e lo reintroduca pochissimo , sotto forma di sale dietetico del tipo Novosal, utilizzabile sia per cucinare la pasta che per condire le verdure ;introduca altresi' acqua in quantita' non inferiore a 2- 2,5 litri al di.</p>

Buongiorno é possibile seguire lo step 1 assumendo i seguenti farmaci? Xarel, Cordarone, ezetrol, lansox, xatral, lopresor, cardioasporina, crestor, REPHATA. Oppure é il caso di toglierne qualcuno?

<p>La somministrazione dei farmaci da Lei enunciati non controindica lo step 1 della dieta chetogenica: la lipolisi indotta dalla dieta chetogenica migliora la clearance e l'attivita' intrinseca farmacologica, sottraendo all'organismo spazi lipidici(previa induzione di apoptosi cellulare della massa grassa) nei quali la distribuzione di farmaci non ha "senso di esistere" ; peraltro , il butirrato, prodotto in chetogenesi, e' un ottimo substrato energetico utilizzato dagli enterociti per l'assorbimento di nutrienti unitamente a quello di principi attivi farmacologici :e' comunque inteso che Lei durante lo step 1 debba monitorare il livello di colesterolo LDL che ,anche per effetto della chetogenesi ,dovrebbe raggiungere livelli ottimali di 70 mg/dl , per minimizzare il rischio ateromasico( ovvero di sviluppo di malattia vascolare caratterizzata da placche ateromasiche ) atteso che dai farmaci che assume si comprende che Lei e' affetto da una importante "ipercolesterolemia familiare", con complicanze ipertensive ed aritmiche.</p>

Dovrei cominciare una terapia con glucobetan da prendere tutti i giorni. È un integratore alimentare che contiene e beta-glucani, gluconato di zinco e amido di mais . Comincerò la penta lunedì, saranno compatibili?

<p>Non sono compatibili perche' nelle compresse c'e' amido di mais che e' un polimero del glucosio. Le consiglio di non prendere l'integratore alimentare e di effettuare la dieta :la dieta chetogenica stimola il sistema immuno competente sostituendo positivamente l'immuno-modulazione operata dai beta glucani .</p>

Salve, inizio oggi lo step 3, e volevo sapere se è possibile usare spezie come curry, paprika e cannella tutto in polvere per condire

<p>Lo step 3 ha il fine di stabilizzare il peso corporeo: l'utilizzo delle spezie da Lei citate che contengono carboidrati ,anche se consumate in polvere , in modesto quantitativo ( il curry ne contiene 58 gr per 100 grammi edibili, la cannella ne contiene 81 gr per 100 grammi edibili, la paprika ne contiene 52. grammi per 100 grammi edibili ) ,e' permesso , purche' non si assista ad un incremento del peso corporeo .Tutto cio' poiche' trattasi comunque di carboidrati aggiuntivi a quelli "bilanciati ",previsti dal protocollo multifasico New Penta, gia' di pertinenza dello step 3.</p>

Buon giorno, ho iniziato la dieta 20 giorni fa (step 1) e ho perso 6 kg. da una settimana però il peso è completamente fermo. Seguo tutte le prescrizioni alla lettera (compreso il bere acqua). Il blocco può coincidere con cambi ormonali da pre menopausa (ricomparsa breve ciclo proprio da una settimana)? Rimedi/modifiche? Proseguo ugualmente? Grazie

<p>Tolga temporaneamente il pasto con il prodotto New Penta consumato a cena e utilizzi solo vegetali come indicato a pagina 4 del catalogo che trova pubblicato sul sito internet New Penta; elimini il sale da cucina e utilizzi soltanto sale iposodico iodato Novo Sal (pochissimo) sia per condire le verdure sia per l'acqua della pasta .Beva acqua abbondantemente ,almeno 3 litri al di .Indubbiamente la variabilita' del ciclo mestruale da Lei indicata determina incremento del livello plasmatico di cortisolo, di aldosterone (con blocco della eliminazione di sodio e incremento del riassorbimento tubulare renale),incremento della concentrazione plasmatica della glicemia, con conseguente incremento del livello plasmatico della insulina e blocco della chetogenesi. Per contrastare siffatta attivita' ormonale segua le procedure da me indicate. Il problema e' comunque temporaneo e si risolve. Il calo ponderale da lei descritto( 6 chili in 20 giorni) e' importante :quindi, per il futuro e' stimato un calo ponderale che si attesta sui 5 chili al mese, a condizione che Lei segua gli steps 1 e 2 della dieta in maniera rigorosa .</p>

Buonasera. Giorno 15 farò intervento di cataratta e la settimana prossima dovrei iniziare il primo stop della dieta penta.posso comunque fare l'intervento o sarebbe meglio iniziare la dieta dopo l'intervento? Ci possono essere interferenze nel processo di cicatrizzazione della lentini?grazie

<p>Deve assolutamente iniziare la dieta prima di sottoporsi all'intervento :il taglio chirurgico alla base corneale , operato dal faco emulsificatore, che esegue la rimozione del cristallino da sostituire con quello artificiale ,ha una cicatrizzazione piu' rapida , atteso che le cellule dello stroma corneale hanno bisogno di substrati proteici e acqua per poter produrre le fibrille collagene utili alla definitiva chiusura della taglio corneale. </p>

Sono stata operata di k mammario e al momento sto facendo la chemioterapia. A seguire, ottobre o novembre, dovrò fare la radioterapia. Posso seguire questa dieta? Premetto che ho già seguito il percorso penta ed ho perso kg15 però non ho fatto lo stesso 4 e 5 e sono ingrassata kg18.

<p>Assolutamente si, anzi e' indicata come coadiuvante della chemioterapia nelle patologie neoplastiche: le cellule tumorali infatti utilizzano soltanto molecole di glucosio ,quale substrato energetico, ossidandole esclusivamente nel citoplasma ,poiche' hanno mitocondri disfunzionali; una dieta ipoglucidica normoproteica che garantisca la produzione di corpi chetonici, ed in particolare di butirrato, protegge dalle recidive neoplastiche .</p>

Sono in step 2 con tre pasti in busta e uno proteine normali dal 1 agosto e non sono dimagrita neanche un hg! È cosa normale ?

<p>Elimini le proteine naturali del pasto serale e si nutra solo con vegetali ,continuando ad assumere i prodotti New penta prescritti ;introduca acqua abbondantemente , almeno 2,5 al di; limiti il consumo del sale :utilizzi novosal iodato al posto del sale da cucina </p>

Buongiorno, mio marito ha distrofia muscolare dei cingoli può’ avere controindicazioni la dieta?

<p>Non sussistono controindicazioni assolute nell'espletamento della dieta chetogenica: il muscolo distrofico puo' ossidare corpi chetonici ,prodotti dal fegato, solo a condizione che i livelli sierologici della creatina chinasi siano normali o minimamente aumentati ;tutto cio' sta ad indicare che la distrofia dei sarcolemmi muscolari non e' correlata a fenomeni degenerativi importanti ,che denotano considerevole perdita miofibrillare contrattile (solo in tal caso la dieta sarebbe controindicata per la impossibilita' ossidativa dei corpi chetonici ,attesa la carenza di miofibrille nei sarcolemmi muscolari)</p>

Stimato Dottore, ho già fatto con piacere la Vostra dieta alcuni anni fa. Premetto che non ho mai avuto grossi problemi di peso (quei 3 - 4 Kg in più), ho 47 anni, misuro 160 cm e peso 51 kg (con la vostra dieta mi atteso sui 47). Ieri il ginecoloco mi ha diagnosticato un piccolo polipo endometriale e, in attesa di isteroscopia a settembre, mi ha prescritto Farlutal 10 mg per 8 gg., dicendomi che non esclude il riassorbimento spontaneo. Le chiedo se la Vostra dieta potrebbe essere d'aiuto al riassorbimento (magari riducendo l'infiammazione...) e se Farlutal interferirebbe con l'induzione della chetosi. Data l'età, oltre a Pentacal + plus ogni giorno, mi consiglia l'assunzione di un ulteriore vostro integratore? La ringrazio molto e La saluto.

<p>La poliposi endometriale e' legata alle modificazioni istologiche dell'endometrio indotte dall' estriolo e dal progesterone: quindi non e' esclusa una modificazione dell'assetto polipoide dell'endometrio operata dalla interazione con il Farlutal ; per quanto attiene la correlazione con la chetogenesi controllata ,essendo quest'ultima un processo biochimico anti-infiammatorio , e' ragionevole dedurre che l'abbattimento delle citochine infiammatorie Interleuchina- 6 e TNF- alfa ,con contestuale riduzione del grasso ectopico viscerale , diminuirebbe lo stato pro-infiammatorio generale ,ivi compreso quello "endometriale eventuale" ,con riduzione della componente flogistica del polipo endometriale medesimo e indurrebbe probabili modificazioni del suo assetto ,nel contesto del tessuto endometriale.</p>