⚠️⚠️⚠️  IMPORTANTE | CAMBIO COORDINATE IBAN dal 15 APRILE 2021 >>> CLICCA QUI

Il medico risponde

Il Medico Risponde è un servizio che New Penta mette a disposizione dei propri pazienti interessati a porre dei QUESITI RELATIVI AL METODO PENTADIET.

Risponde alle vostre domande il Dottor Danilo De Santis, Medico Chirurgo Specialista in Scienza dell’Alimentazione.

Fai una domanda



Senza questo consenso, sarà impossibile fornirti i prodotti o le informazioni richiesti

Cerca tra le domande

Sono stata operata di k mammario e al momento sto facendo la chemioterapia. A seguire, ottobre o novembre, dovrò fare la radioterapia. Posso seguire questa dieta? Premetto che ho già seguito il percorso penta ed ho perso kg15 però non ho fatto lo stesso 4 e 5 e sono ingrassata kg18.

<p>Assolutamente si, anzi e' indicata come coadiuvante della chemioterapia nelle patologie neoplastiche: le cellule tumorali infatti utilizzano soltanto molecole di glucosio ,quale substrato energetico, ossidandole esclusivamente nel citoplasma ,poiche' hanno mitocondri disfunzionali; una dieta ipoglucidica normoproteica che garantisca la produzione di corpi chetonici, ed in particolare di butirrato, protegge dalle recidive neoplastiche .</p>

Sono in step 2 con tre pasti in busta e uno proteine normali dal 1 agosto e non sono dimagrita neanche un hg! È cosa normale ?

<p>Elimini le proteine naturali del pasto serale e si nutra solo con vegetali ,continuando ad assumere i prodotti New penta prescritti ;introduca acqua abbondantemente , almeno 2,5 al di; limiti il consumo del sale :utilizzi novosal iodato al posto del sale da cucina </p>

Buongiorno, mio marito ha distrofia muscolare dei cingoli può’ avere controindicazioni la dieta?

<p>Non sussistono controindicazioni assolute nell'espletamento della dieta chetogenica: il muscolo distrofico puo' ossidare corpi chetonici ,prodotti dal fegato, solo a condizione che i livelli sierologici della creatina chinasi siano normali o minimamente aumentati ;tutto cio' sta ad indicare che la distrofia dei sarcolemmi muscolari non e' correlata a fenomeni degenerativi importanti ,che denotano considerevole perdita miofibrillare contrattile (solo in tal caso la dieta sarebbe controindicata per la impossibilita' ossidativa dei corpi chetonici ,attesa la carenza di miofibrille nei sarcolemmi muscolari)</p>

Stimato Dottore, ho già fatto con piacere la Vostra dieta alcuni anni fa. Premetto che non ho mai avuto grossi problemi di peso (quei 3 - 4 Kg in più), ho 47 anni, misuro 160 cm e peso 51 kg (con la vostra dieta mi atteso sui 47). Ieri il ginecoloco mi ha diagnosticato un piccolo polipo endometriale e, in attesa di isteroscopia a settembre, mi ha prescritto Farlutal 10 mg per 8 gg., dicendomi che non esclude il riassorbimento spontaneo. Le chiedo se la Vostra dieta potrebbe essere d'aiuto al riassorbimento (magari riducendo l'infiammazione...) e se Farlutal interferirebbe con l'induzione della chetosi. Data l'età, oltre a Pentacal + plus ogni giorno, mi consiglia l'assunzione di un ulteriore vostro integratore? La ringrazio molto e La saluto.

<p>La poliposi endometriale e' legata alle modificazioni istologiche dell'endometrio indotte dall' estriolo e dal progesterone: quindi non e' esclusa una modificazione dell'assetto polipoide dell'endometrio operata dalla interazione con il Farlutal ; per quanto attiene la correlazione con la chetogenesi controllata ,essendo quest'ultima un processo biochimico anti-infiammatorio , e' ragionevole dedurre che l'abbattimento delle citochine infiammatorie Interleuchina- 6 e TNF- alfa ,con contestuale riduzione del grasso ectopico viscerale , diminuirebbe lo stato pro-infiammatorio generale ,ivi compreso quello "endometriale eventuale" ,con riduzione della componente flogistica del polipo endometriale medesimo e indurrebbe probabili modificazioni del suo assetto ,nel contesto del tessuto endometriale.</p>

Salve seguo il metodo Penta ma la mia nutrizionista mi ha segnato che posso mangiare lattuga in quantità illimitata… sul vostro sito invece scrivete che è vietata….e faccio Penta de ben due settimane mangiando lattuga praticamente tutti i giorni??? Come dovrei comportarmi???

<p>La lattuga contiene 2,9 grammi di carboidrati per 100 grammi di prodotto edibile :pertanto e' controindicata nel primo e secondo step della dieta chetogenica ,atteso che l'apporto glucidico e' non indifferente e potrebbe bloccare l'induzione della chetogenesi </p>

Buona sera, io sto seguendo la dieta chetogenica da 4 giorni. Al mattino mangio le vostre fette, a metà mattina integratore e a merenda le barrette o al cocco o ai frutti di bosco. Dal secondo giorno ho sul collo, alla base delle mascelle e sulle guance uno sfogo della pelle...come tanti brufoletti sotto pelle. Vorrei sapere se potrebbe trattarsi di una reazione allergica a qualche sostanza. Grazie

<p>No ,potrebbe essere una idrosadenite ovvero una flogosi delle ghiandole sudoripare :puo' accadere se ci si espone troppo al sole e si suda molto .In tal caso la flora batterica saprofitica , presente sui dotti di sbocco delle ghiandole sudoripare ,per l'incremento della temperatura cutanea e della sudorazione puo' determinare la flogosi infiammatoria da lei descritta( dovuta a moltiplicazione batterica) .Le consiglio di curare molto l'igiene del viso e del collo ,utilizzando saponi detergenti a Ph neutro.E' assolutamente da escludere una reazione allergica ai prodotti New Penta ,stando alla Sua descrizione, che denota "brufoletti sotto pelle"</p>

Buongiorno. Io sto finendo lo step uno. Di solito ho i battiti a 60 circa. Da qualche giorno sono bassissimi tipo 50/45. È normale?mi sento stanchissima. Ho una vita attiva. Lavoro spostandomi molto in auto e mi alleno (corsa e allenamento muscolare) 3/4 mattine a settimane.oggi ho dovuto anticipare merenda del pomeriggio perché non stavo in piedi.

<p>La causa del decremento della sua frequenza cardiaca e' correlata ad un incremento del tono vagale :cio' comporta una diminuzione della gittata cardiaca e della pressione arteriosa sistolica .Stanti i rilievi anzidetti deve interrompere la sua attivita' fisica, poiche' lo stress biomeccanico muscolare non e' ben supportato dai substrati energetici prodotti nella dieta chetogenica , che si identificano con i corpi chetonici acido aceto acetico e beta idrossi butirrico : infatti ha una diminuzione della performance cardiaca quanto a frequenza e gittata sistolica .Potra' riprendere l'attivita' non appena avra' terminato il ciclo multifasico New Penta.Tutto cio' spiega il sintomo "stanchezza" dichiarato nella mail.</p>

Dottore, sono in fase 1, ho iniziato da un mese e ho perso sui 4 kg ma il peso si è arenato. Non ho fatto nessun tipo di sgarro e seguo in modo ligio il programma. Le analisi sono perfette, non riesco a capire questo blocco che dura da più di 13 giorni. Tra le altre cose in certi giorni ho molta fame ma resisto e non mangio se non ai pasti. Cosa mi consiglia? Le sembrano pochi i kg persi?

<p>I chili persi in 30 giorni evidenziano che l'ossidazione lipidica e la chetogenesi controllata sono comunque state indotte dalla dieta ; pertanto il problema del blocco del calo ponderale puo' essere attibuito:</p><p>-pratica ovvero abitudine di blanda idratazione :deve bere minimo due -tre litri di acqua al di specialmente nella stagione estiva</p><p>-consumo eccessivo di sale nella dieta: deve utilizzare per condire la verdura e per salare l'acqua della pasta solo pochissimo Novosal iodato o similari (un sale ricco di potassio e povero di sodio)</p><p>-consumo di chewingums che sono etichettati senza zuccheri ,ma che invece contengono polioli ,sostanze chimiche additivate che si trasformano in zuccheri nell'organismo</p><p>-consumo di bevande etichettate come Bevande 0 cioe' contenenti zero carboidrati che io credo non siano proprio zero,(e' una mia opinione ,probabilmente opinabile, scusi il bisticcio letterario)</p><p>-ad una condizione lavorativa -familiare-psicosociale stress correlata con insonnia associata :in tal caso e' necessario assumere un sonnifero o provare con la melatonina (Circadin 2 mg). Godere di un sonno fisiologico e' fondamentale nella pratica della dieta chetogenica.</p><p>-consumo di bevande al ginseng ,utilizzo di dolcificanti quali eritritolo o saccarosio (gli unici dolcificanti ammessi sono l'aspartame e la stevia)</p><p>-utilizzo di aceto balsamico o di mele o addizionato con fruttosio </p><p>-consumo di prosciutto crudo o cotto contenente un conservante denominato destrosio</p><p>Se tutti questi accorgimenti non fossero sufficienti a riprendere il calo ponderale Le consiglio di sottoporsi ad una analisi di carico orale di glucosio con curva di determinazione glicemica ed insulinemica ed inviarmela </p><p><br></p><p><br></p><p><br></p><p><br></p>

Posso sostituire le due porzioni di frutta con un bicchiere di vino ?

<p>No, non e' consentito :la frutta ed il vino nella alimentazione sono programmati per finalita' diverse :il vino non costituisce un substrato nutrizionale, in quanto contiene in varia percentuale etanolo il cui metabolismo produce acetaldeide, oltre una soglia di assunzione, che varia individualmente. Tuttavia un bicchiere di vino al di' e,' in linea di massima, tollerato dal soggetto adulto (ovviamente con esclusione di tutti i soggetti in eta' pediatrica) : quindi Lei lo puo' assumere, purche' abbia concluso tutte le fasi del protocollo nutrizionale New Penta</p>

Buonasera dottore, soffro di reflusso gastrico e biliare e ho una gastrite cronica. Sto provando di tutto ma senza risultato... Questa dieta può offrirmi una soluzione? Grazie cordiali saluti Eleonora

<p>Assolutamente si :le proteine pre assimilabili non hanno bisogno di pepsinogeno e pepsina gastrica per essere idrolizzate ;cio' comporta una minore produzione di HCl e oltretutto la chetogenesi (ossidazione lipidica) modifica il volume del tessuto adiposo viscerale in senso restrittivo ,determinando una minore spinta sulla giunzione esofago- gastrica ed abbattendo il reflusso:molti pazienti a cui l'ho praticata l'hanno giudicata risolutiva .:e' semplice pertanto comprendere che il reflusso gastro esofageo e' una complicanza correlata all'obesita' ed in particolar modo a quella viscerale.Ovviamente anche l'eventuale reflusso biliare e' correlato alla spinta del tessuto viscerale, ma e' una complicamza meno frequente di quello gastrico, e soprattutto si manifesta nei soggetti colecistectomizzati.</p>

Dottore, sto seguendo la penta diet dal 24 maggio, ho perso circa 3kg ad oggi, non avevo fame il primo periodo ora, invece sono 4 giorni che ho fame, i pasti non mi saziano come all'inizio. Non sto cedendo ma è dura con questa fame.

<p>Assuma un prodotto New Penta quando avverte la sensazione di fame </p>

Buongiorno dottore, le chiedo una precisazione... In fase 1 si può utilizzare il daikon? La ringrazio

<p>No perche' c'e' un enzima denominato mirosinasi che scinde una molecola componente del daikon denominata singrina per formare glucosio </p>